Solchi, sfere e ferite: avventure nella “materia prima”

Siamo andati a vedere la mostra “Materia Prima, la ceramica dell’arte contemporanea” presso il Palazzo Podestarile di Montelupo Fiorentino. Suggestiva mostra visitabile fino al 30 giugno 2016.

Leoncillo Leonardi "Tempo ferito II" 1963
Leoncillo Leonardi “Tempo ferito II” 1963 Terracotta smaltata e engobbiata

La cosa che è piaciuta di più ai miei bambini è stato il senso di mistero e magia che l’illuminazione delle sale dava, conferendo alle opere degli artisti Spagnulo, Leoncillo, Mainolfi, Cerone e Ducrot un aspetto ancora più vitale. Le forme diventano personaggi fantastici danzanti nello spazio.

Leoncillo Leonardi "Al limite della notte" 1960 Terracotta smaltata engobbiata
Leoncillo Leonardi “Al limite della notte” 1960 Terracotta smaltata engobbiata

Tra le sale più suggestive anche per un bambino molto piccolo come Gabriele di quasi due anni, è la sala dedicata a Luigi Mainolfi. Al centro le grandi “Sfere di Castellammonte” sono un’attrazione irresistibile.

Luigi Mainolfi "Sfere di Castellammonte" 2015Terracotta
Luigi Mainolfi “Sfere di Castellammonte” 2015Terracotta

Così come la terracotta appesa alla parete diventa pelle squamosa piena di occhi. Insomma passando da una sala all’altra, da un’opera all’altra, ci si sbizzarrisce a inventare storie.

Luigi Mainolfi "Chioma" 1985 Terracotta
Luigi Mainolfi “Chioma” 1985 Terracotta (part.)

Ferite, solchi, fori, rientranze e sporgenze vertiginose stimolano la gestualità a casa davanti ad un bel pezzo di creta. Cosimo, 5 anni, ha usato la tecnica dell’impronta, usando vari giochi. Uno degli effetti più particolari è quello derivato dall’impressione di soldatini e piccoli carri armati.

IMG_8487

Gabriele ha inferto solchi e fori con una matita, infilando anche le dita nella materia morbida.

IMG_8758

Alcune opere sono sembrate ai bambini vulcani eruttanti lava, come le opere di Giacinto Cirone, evocazione resa più forte anche dal loro colore, di un rosso pastoso, vibrante e luminoso.

Giacinto Cerone "Senza Titolo" 2002 Ceramica rossa
Giacinto Cerone “Senza Titolo” 2002 Ceramica rossa

Oppure altre evocano la corteccia degli alberi o i solchi di un legno vecchio.

IMG_8604

Poi abbiamo dipinto con la tempera, è andata troppa acqua e la materia cromatica ha iniziato a sfaldarsi creando bellissime forme disgreganti. “Mamma sembrano le sculture che abbiamo visto…” 🙂

IMG_8749

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.